La comunicazione e i suoi codici - Incontro con il prof. di Psicologia generale Angelo Tartabini
 
Stai leggendo il giornale digitale di Mattioli Vasto su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

La comunicazione e i suoi codici

Incontro con il prof. di Psicologia generale Angelo Tartabini

Il prof. Angelo Tartabini (foto di Giampietro Ciancio)Nel giorno 3 febbraio, il Professore ordinario di Psicologia Generale, Angelo Tartabini, ha presentato il progetto "La Comunicazione e i suoi codici" riguardante la comunicazione e il linguaggio articolato.

Che cos'è la comunicazione?

Per comunicazione si intende il processo e le modalità di trasmissione di un'informazione da una persona a un'altra, attraverso lo scambio di un messaggio elaborato secondo le regole di un determinato codice. In senso psicologico, la comunicazione vuole intendere lo scambio di stimoli e risposte tra due o più soggetti di cui una delle forme più diffuse è chiamata narratività.

Quanti tipi di comunicazione esistono?

Vi sono diversi tipi di comunicazione:

- La comunicazione interpersonale, che fa riferimento a pensieri propri, a sentimenti e valori che caratterizzano i nostri modi di essere e che si strutturano mediante un dialogo interno.

- La comunicazione pubblica, che si divide in due parti: comunicazione che si concentra sull'oggetto e comunicazione che si concentra sul soggetto (qualunque forma di informazione legata alle istituzioni pubbliche).

Il bambino comunica prima di saper padroneggiare il linguaggio?

Il bambino è capace di comunicare intenzionalmente i propri desideri, bisogni e scopi utilizzando una varietà di gesti e vocalizzi. Alcuni autori hanno individuato due fasi nello sviluppo prelinguistico e precisamente:

- Fase pre-intenzionale, dove il neonato produce comportamenti che possono assumere il valore di segnali per l'interlocutore adulto.

Fase intenzionale, in cui il bambino sa produrre comportamenti che hanno per lui/lei valori di segnali e li genera al fine di soddisfare i propri bisogni, scopi e obiettivi.

L'intelligenza artificiale può sostituire quella umana?

Consideriamo l'idea che il cervello umano e il computer siano distinti essenzialmente dalla complessità delle connessioni. Se il cervello umano è semplicemente un'entità con maggiori scambi tra neuroni, allora è sensato ritenere che, raggiunto un certo grado di complessità, il cervello artificiale possa esercitare le medesime funzioni di quello umano. In definitiva però non lo potrà mai sostituire completamente perché quello umano è biologico, quello artificiale è stato creato dall'intelligenza umana.

 

                                                                                                                                        Martina Ferrin

 


Condividi questo articolo



 

 

edit

Scrivi su Scuolalocale clear remove

Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto.
account_circle
email
Seleziona la redazione a cui inviare il tuo articolo
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

doneChiudi
Racconta la tua esperienza in un progetto di alternanza Scuola-Lavoro.
Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto e racconta la tua esperienza. La redazione e il capo-redattore riceveranno e pubblicheranno il contenuto su Scuolalocale, nell’area progetti Scuola-Lavoro.
account_circle
email
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
Seleziona il progetto che vuoi raccontare. Non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

Chiudi
Chiudi