Omaggio ad Angelo Canelli - I codici dell’improvvisazione
 
Stai leggendo il giornale digitale di Mattioli Vasto su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

Omaggio ad Angelo Canelli

I codici dell’improvvisazione

Ivano Sabatini al contrabbasso (foto di Daniela Ganeanu)Sabato 3 febbraio presso il Teatro Comunale Rossetti di Vasto, si è tenuto il concerto commemorativo in onore di Angelo Canelli, medico-musicista morto prematuramente nel 2006.

Il penultimo appuntamento del Festiva della Scienza 2018 è stato dedicato ad un giovane uomo che ha saputo coniugare con assoluta professionalità e passione il sapere scientifico con l’arte dei suoni: Angelo Canelli, un medico musicista.

A dare il via alla serata sono state le immagini di un videoclip del 2005, uno straordinario ricordo del laboratorio di musica tenuto dal pianista Canelli presso il Liceo Scientifico “R.Mattioli”, esperienza che ha permesso agli alunni “musicisti in erba” di partecipare con successo alla terza Olimpiade di musica a Rimini.

A condurre la serata, la prof.ssa Clotilde Muzii che ha condiviso con Canelli l’entusiasmante esperienza.

Quasi a dare segno di continuità con quel primo laboratorio, hanno aperto il concerto gli studenti del Liceo Musicale “R.Mattioli”: Michele Taraborrelli (piano), Emanuele Di Petta (sax), Angelo Carosella (sax), Fabrizio De Nadai (tromba), Federico Caruso (chitarra elettrica) ed Elia D'Ovidio (batteria), accompagnati da Ivano Sabatini (contrabbasso). Con la supervisione del loro docente di percussioni Loris Baccalà, i giovani musicisti hanno fatto conoscere al pubblico alcune tra le pagine più note del repertorio jazz come “Blue Bossa” di Dexter Gordon, “Caravan” di Duke Ellington e “Spain” di Chick Corea.

La seconda parte della serata ha visto protagoniste assolute le composizioni di Angelo Canelli, riproposte con professionalità ed emozione dal trio formato da Marco Mancini al piano, Ivano Sabatini al contrabbasso e Luigi La Verghetta alla batteria. I musicisti, legati da profonda amicizia e da un sodalizio artistico moto forte con Angelo, hanno restituito ai brani la spiccata struttura improvvisativa che ha messo in luce le potenzialità sonore e tecniche dei singoli strumenti in dialogo costante tra loro.

Il pubblico era quello delle grandi serate, oltre alla presenza della Dirigente Scolastica Maria Grazia Angelini e della prof.ssa Rosa Lo Sasso, direttrice scientifica del Festiva della Scienza, c’era il valore aggiunto dei familiari di Angelo, dei colleghi musicisti e medici e soprattutto di tanti amici.

Un concerto commemorativo ma tutt'altro che malinconico grazie ai ritmi vivaci dei brani jazz eseguiti.


Daniela Ganeanu


Condividi questo articolo



 

 

edit

Scrivi su Scuolalocale clear remove

Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto.
account_circle
email
Seleziona la redazione a cui inviare il tuo articolo
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

doneChiudi
Racconta la tua esperienza in un progetto di alternanza Scuola-Lavoro.
Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto e racconta la tua esperienza. La redazione e il capo-redattore riceveranno e pubblicheranno il contenuto su Scuolalocale, nell’area progetti Scuola-Lavoro.
account_circle
email
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
Seleziona il progetto che vuoi raccontare. Non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

Chiudi
Chiudi