Il Giorno del Ricordo - La memoria delle vittime delle foibe e di tutti gli esodati
 
Stai leggendo il giornale digitale di Mattioli Vasto su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

Il Giorno del Ricordo

La memoria delle vittime delle foibe e di tutti gli esodati

Le vittime delle foibeCon la Legge 30 marzo 2004 n. 92, gli italiani furono chiamati per la prima volta a celebrare il «Giorno del Ricordo», in memoria dei quasi ventimila connazionali torturati, assassinati e gettati nelle foibe dalle milizie di Tito alla fine della seconda guerra mondiale. Merita attenzione il ricordo delle tante persone costrette all'esodo dalle ex province italiane della Venezia Giulia, dell’Istria, di Fiume e della Dalmazia.

Nel 1943 il regime fascista di Mussolini aveva decretato il proprio fallimento con la riunione del Gran Consiglio del Fascismo del 25 luglio 1943. Ne erano seguiti lo scioglimento del partito fascista, la resa dell’8 settembre, lo sfaldamento delle Forze Armate. Nei Balcani, e particolarmente in Croazia e Slovenia (le due regioni balcaniche confinanti con l’Italia) il crollo dell’esercito italiano aveva fatalmente coinvolto le due capitali, Zagabria (Croazia) e Lubiana (Slovenia). Qui avevano avuto il sopravvento le forze politiche comuniste guidate da Tito.

La prima ondata di violenza esplose proprio dopo la firma dell’armistizio (8 settembre 1943): in Istria e in Dalmazia i partigiani jugoslavi di Tito si vendicarono contro i fascisti che, nell'intervallo tra le due guerre, avevano amministrato questi territori con durezza, imponendo un'italianizzazione forzata e reprimendo e osteggiando le popolazioni slave locali. Con il crollo del regime, i fascisti e tutti gli italiani non comunisti vennero considerati nemici del popolo, prima torturati e poi gettati nelle foibe. Morirono circa un migliaio di persone. Le prime vittime di una lunga scia di sangue.

Nella primavera del 1945 l’esercito jugoslavo occupò l’Istria (fino ad allora territorio italiano, e dal '43 della Repubblica Sociale Italiana) e puntò verso Trieste per riconquistare i territori che, alla fine della prima guerra mondiale, erano stati negati alla Jugoslavia. Gli jugoslavi si impadronirono di Fiume e di tutta l’Istria, dando subito inizio a feroci esecuzioni contro gli italiani.

Tra il maggio e il giugno del 1945 migliaia di italiani dell’Istria, di Fiume e della Dalmazia furono obbligati a lasciare la loro terra. Altri furono uccisi, gettati nelle foibe o deportati nei campi sloveni e croati. Le uccisioni di italiani, nel periodo tra il 1943 e il 1947, furono almeno 20mila; gli esuli italiani costretti a lasciare le loro case almeno 250mila.

Il termine foiba indica una profonda cavità naturale, simile ad un pozzo, tipica delle regioni carsiche. Nelle foibe venivano generalmente gettati i cadaveri di prigionieri fucilati ma anche i corpi di innocenti legati l’un l’altro con un lungo fil di ferro stretto ai polsi. Si apriva il fuoco trapassando i primi tre o quattro della catena, i quali, precipitando nell’abisso, trascinavano con loro gli altri sventurati.

Fino agli ultimi decenni del ‘900 in Italia si è poco parlato di foibe ma nel 2004 è stato istituito il “Giorno del ricordo” in memoria delle vittime delle foibe, degli esodati e di tutti gli oppressi “della più contorta vicenda del confine orientale”.

 

Martina Ferrin


Condividi questo articolo



 

 

edit

Scrivi su Scuolalocale clear remove

Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto.
account_circle
email
Seleziona la redazione a cui inviare il tuo articolo
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

doneChiudi
Racconta la tua esperienza in un progetto di alternanza Scuola-Lavoro.
Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto e racconta la tua esperienza. La redazione e il capo-redattore riceveranno e pubblicheranno il contenuto su Scuolalocale, nell’area progetti Scuola-Lavoro.
account_circle
email
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
Seleziona il progetto che vuoi raccontare. Non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

Chiudi
Chiudi