"Nati sotto una buona stella", viaggio alle origini del cosmo - Concerto-spettacolo che conduce il pubblico dall’universo all’uomo
 
Stai leggendo il giornale digitale di Mattioli Vasto su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

Mattioli Vasto Attualità 01/12/2018 01/12

"Nati sotto una buona stella", viaggio alle origini del cosmo

Concerto-spettacolo che conduce il pubblico dall’universo all’uomo

Spettacolo dedicato all'universo e alla nostra esistenza. (Foto di Ilaria Onofrillo)Il 23 novembre 2018 abbiamo assistito, presso l’Auditorium “Tito Molisani” di Casalbordino ad uno spettacolo meraviglioso, “Nati sotto una buona stella”, da un’idea del film maker Enrico Gualterio e del duo pianistico Clotilde Muzii e Danila Cicchini, accompagnato dalla voce narrante di Giovanna Santangelo.

Il concerto-spettacolo ha trascinato gli spettatori in un piacevole viaggio dalla nascita dell’universo, agli esseri viventi, all’uomo.

“Tutte le storie hanno un inizio, un principio. Sono nato il giorno in cui mia madre mi ha messo al mondo o la notte in cui i miei genitori si sono amati? E prima di quell’istante, dov’era quello che un giorno si sarebbe riunito per divenire me? Dov’era dispersa quella galassia di miliardi e miliardi di atomi che sarebbe divenuta me? In quale pianta, in quale sasso, in quale animale, in quale volto sono migrati prima di ritrovarsi in me? E ancor prima che la vita comparisse, ancor prima che la terra si formasse a partire dalla polvere delle stelle, dov’erano gli elementi del mosaico?”. Momenti veramente emozionanti, di perfetta fusione tra musica, immagini e voce narrante. Brani eseguiti a quattro mani, effetti sonori ottenuti pizzicando o percuotendo le corde del pianoforte a coda; il suono prorompente che accompagna le immagini si fa delicato in certi momenti. E’ leggero l’avvicendarsi delle parti parlate dove la voce narrante diventa lo stesso spettatore che si interroga sull’universo, sulla vita, sull’uomo. Le emozioni si delineano, si avvertono con intensità, emerge il sublime dell’universo, il senso della nostra esistenza. “E’ la transitorietà la qualità che riesce a trasformare le nostre vite in qualcosa di unico”.

di Martina Vicoli

di Marzia Comparelli


Condividi questo articolo





edit

Scrivi su Scuolalocale clear remove

Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

doneChiudi
Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

Invia la tua Idea clear remove

Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
account_circle
pin_drop
Seleziona il tuo Istituto

Seleziona l'ambito della tua idea

mode_edit

thumb_up

La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

Grazie!

doneChiudi
Chiudi
Chiudi