Senzatetto: un esercito di disperati che continua a crescere di numero - Dati sulla situazione dei clochard in Italia
 
Stai leggendo il giornale digitale di Mattioli Vasto su
Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

Mattioli Vasto Attualità 29/12/2018 29/12

Senzatetto: un esercito di disperati che continua a crescere di numero

Dati sulla situazione dei clochard in Italia

 Durante i mesi invernali, accade spesso di osservare gruppi di volontari che prestano assistenza ai senzatetto portando indumenti, coperte, cibo, bevande calde, calore umano e affetto. Semplici gesti che portano un momentaneo conforto a chi è immerso nella miseria e nel degrado, a chi vive in situazioni di disagio e non ha più un posto dove andare.

C’è un esercito di disperati che continua a crescere di numero, quelli che comunemente chiamiamo barboni o clochard. Non hanno un luogo fisso di residenza, hanno perso il lavoro oppure si sono separati dal coniuge o dai figli e hanno scelto la solitudine delle strade.
In Italia vivono più di 50.000 persone senza fissa dimora; sono nell'85% dei casi di sesso maschile e con un'età media di 44 anni; vivono prevalentemente al Nord (56%). Solo il 28% ha un lavoro e il livello di istruzione è generalmente basso, con appena un terzo che possiede il diploma di scuola media superiore.

Rispetto alle stime degli anni precedenti, colpisce l'aumento dei casi di povertà cronica: le persone che non hanno più una casa da oltre 4 anni sono quasi 11mila. Diverse sono le cause che portano alla perdita dell’abitazione:
•la scelta di non avere una residenza permanente
•la fuga da un abuso domestico ( sessuale, fisico e mentale )
• le difficoltà economiche conseguenti la perdita del lavoro
•la malagiustizia
•la tossicodipendenza o l’abuso di alcool (si stima che circa il 38% dei "clochard" abbia una dipendenza da qualche tipo di sostanza).

Svariati i posti in cui i senzatetto possono trovare rifugio:
•all'aperto o in una tenda
•in un veicolo (automobile, autobus, roulotte)
•in un luogo pubblico (parchi, stazioni ferroviarie, aeroporti)
•in strutture abbandonate
•in dormitori che offrono alloggio temporaneo

Dovremmo tutti aprire i nostri cuori, offrire un sostegno morale e materiale a chi è costretto a vivere in questo modo.

di Francesca Marrollo


Parole chiave:

dati , miseria , povertà , rifugiati

Condividi questo articolo





edit

Scrivi su Scuolalocale clear remove

Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

doneChiudi
Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
account_circle
email
local_phone
pin_drop
Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
mode_edit
Foto attach_file
Indietro
thumb_up

Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

Attendi una loro risposta, grazie!

Invia la tua Idea clear remove

Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
account_circle
pin_drop
Seleziona il tuo Istituto

Seleziona l'ambito della tua idea

mode_edit

thumb_up

La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

Grazie!

doneChiudi
Chiudi
Chiudi