Paradossi in Architettura - Incontro con gli architetti Smargiassi, Celenza, Fitti e Menna
 
    Stai leggendo il giornale digitale di Mattioli Vasto su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    Paradossi in Architettura

    Incontro con gli architetti Smargiassi, Celenza, Fitti e Menna

    Incontro con gli architetti Smargiassi, Celenza, Fitti e Menna (foto di Benedetta Cerritelli)Nella mattinata di giovedì 24 gennaio, presso l’Auditorium del Polo Liceale R. Mattioli, l’Associazione Professionisti del Vastese, rappresentata da Maurizio Smargiassi, Angelo Celenza, Nicola Fitti e Stefania Menna, è stata accolta in maniera calorosa dagli studenti dell’Istituto.

    L’architetto Smargiassi introduce il discorso parlando dell’Associazione che ha carattere volontario e democratico, nata intorno al 2013 dall’unione di diverse professioni (geologi, geometri, ingegneri, ecc.) per la risoluzione delle problematiche del mestiere. L’attenzione si sposta sul paradosso dell’architettura (l’architettura condiziona l’uomo e a nostra volta la condizioniamo) ben espresso da una citazione del docente dell’Università di Venezia Roberto Massero, “Dovrai abitare nei limiti dello spazio attribuitoti, nel modo a te più conveniente”. Con queste parole l’architetto Smargiassi ha voluto evidenziare la vana trasgressione, celatasi dietro questo concetto, che si caratterizza di una tale connotazione dal momento in cui viene limitata.

    A seguire interviene l’architetto Celenza che sottolinea la figura e il lavoro dell’architetto. “L’architetto è l’artista che lavora in armonia con tutte le materie. Svolge un ruolo di gestione e di sintesi, amalgama e si occupa del rispetto e dell’identificazione dell’ambiente. Il suo lavoro produce elementi concreti e persistenti nel tempo. Riporta alcuni paradossi nascosti dietro le opere come la Tour Effel in Francia, ancora intatta dal 1889 a differenza di altri edifici più recenti e costruiti con tecniche più innovative o il ponte di Tacota in America raffigurato durante la sua distruzione causata dal mancato calcolo della portata dei forti venti.

    L’architetto Menna presenta le opere di illusionismo prospettico più paradossali della storia raffigurate dall’artista Maurits Cornelis Escher. Tra queste abbiamo “Belvedere”, “Cascata” basata dall’incastro di due triangoli di Roger Penrose, la “Relatività” formata dalla compressione delle tre componenti spaziali, “Salita e discesa” e il “nastro di Mobius”.

    La conferenza è stata portata a conclusione dall’architetto Nicola Fitti che proietta una serie di immagini realizzate sul computer dal fotografo Victor Enrich, con gli occhi del quale il cemento sembra meno cupo e le metropoli più divertenti, irrealizzabili in termini pratici ma immaginabili con la mente umana (un edificio nel deserto su uno scoglio rovesciato, le case impilate a mo di grattacielo, le cortine di una casa inclinate, i campanili di una chiesa sostituiti con dei palazzi...). Prima di ciò riporta il pensiero paradossale di Leon Krien “...non costruisco perché sono un architetto. Riesco a fare architettura perché non costruisco”.

    Al termine è stato proposto ai ragazzi un laboratorio di progettazione sul territorio del vastese su un percorso che colleghi il centro del paese alla costa.

    di Valentina D'Aulerio


    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi