Il paradosso espressivo-emotivo: Zitto e Urla! - Laboratorio esperenziale a cura dello psicoterapeuta Fabio Cieri
 
    Stai leggendo il giornale digitale di Mattioli Vasto su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    Il paradosso espressivo-emotivo: Zitto e Urla!

    Laboratorio esperenziale a cura dello psicoterapeuta Fabio Cieri

    Lo psicologo Fabio Cieri (foto di Giampietro Ciancio)Come si può star zitti e urlare nello stesso momento? E’ proprio su questo paradosso che si è basato il laboratorio espressivo-emotivo presentato dallo psicologo e psicoterapeuta Fabio Cieri. Nell’Aula Blu del Polo Liceale “R. Mattioli” di Vasto, gli alunni coinvolti si sono seduti a forma di cerchio e lo psicologo ha instillato una vera e propria riflessione  sui disagi che ci troviamo a vivere quotidianamente.

    Subito dopo è iniziato il laboratorio: guidati dallo psicologo, i ragazzi si sono alzati dal loro posto e mediante gesti, parole e situazioni simulate hanno sperimentato un modo unico e originale di approcciarsi ai loro compagni. Cosa ne è uscito fuori? Tanto imbarazzo e timore. Indagando su questi stati d’animo, si è capito che la radice di queste emozioni risiede nel pregiudizio. L’imbarazzo, invece, è dato dalla paura dell’esclusione dal senso di appartenenza.

    La paura da sempre è considerata da molti negativa però riflettendoci è qualcosa di funzionale alla sopravvivenza. E’ proprio la sua attivazione che ci dà la giusta adrenalina per scappare. Allo stesso tempo, però, più conosciamo ciò che ci provoca paura, più avvertiamo una sorta di malessere interiore.

    La soluzione a tutto ciò? La capacità di adattarsi alle difficoltà. Ci sono contesti in cui non ci si può permettere di urlare ciò che abbiamo dentro. Si cerca quindi una modalità di esprimere il proprio disagio. Agire d’impulso vuol dire fare i conti con la propria coscienza, ma far finta del problema provoca solamente dolore interiore. E’ proprio nel mezzo che abbiamo l’espressione, una condizione che mette in scena il proprio gridare senza gridare. L’obiettivo di ognuno deve essere quindi trovare forme che siano adatte ad un’espressione creativa.

    Il paradosso sta nel cavalcare l’onda dell’espressione che non è facile, ma possibile. E’ in questo modo che ognuno di noi trova la forza di affrontare le sfide di ogni giorno.

    di Lorenzo De Cinque


    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi