Tennistavololtre: quando lo sport diventa inclusione - Iniziativa promossa dalla FITET volta all’inclusione dei ragazzi diversamente abili
 
    Stai leggendo il giornale digitale di Mattioli Vasto su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    Tennistavololtre: quando lo sport diventa inclusione

    Iniziativa promossa dalla FITET volta all’inclusione dei ragazzi diversamente abili

    Il Polo Liceale “R. Mattioli” di Vasto sarà promotore, sabato 23 febbraio 2019, di un incontro, con conseguente firma del protocollo d’intesa, sul progetto nazionale “Tennistavololtre”.

    Lo sport è una grande occasione per riportare gli alunni con disabilità in un contesto di inclusione e questo è proprio lo scopo del progetto promosso dalla FITET (Federazione Italiana Tennistavolo). Questa sensibilizzazione parte dalla pratica del tennistavolo come sport praticabile a prescindere dalle condizioni dell’utenza, fino ad arrivare ad un contesto d’ inclusione che riguardi non solo alunni e docenti ma anche le famiglie e le società sportive del territorio.

    Durante l’ora di educazione fisica, per gli studenti affetti da disabilità, si vengono a creare situazioni di forte disagio sociale; questo progetto vuole sconfiggere proprio queste forme di pregiudizio e malessere. I primi traguardi da raggiungere saranno la ristrutturazione dello schema corporeo, lo sviluppo degli schemi motori di base (afferrare, lanciare, colpire…), la tecnica degli spostamenti con la carrozzina con e senza attrezzo (racchetta) e lo sviluppo della tecnica di base del Tennistavolo. Nella didattica sarà quindi importante lavorare per obiettivi che, nelle varie fasi delle attività, avranno un livello graduale di difficoltà sempre maggiore.

    Il progetto prevede lo svolgimento di corsi di tennistavolo rivolti agli alunni con disabilità e ai loro compagni di classe ma anche corsi di formazione per gli insegnanti di educazione fisica e di sostegno delle scuole aderenti. Per uno svolgimento ottimale delle attività verranno inoltre coinvolti anche tecnici federali della disciplina, assistenti specializzati, volontari, nonché atleti paralimpici già affermati che fungeranno da testimonials.

    Il Polo Liceale “R. Mattioli” si conferma un modello di inclusione sociale nel territorio, diventa il simbolo di una scuola che tende la mano e offre pari opportunità a tutti. Con questo progetto, l’Istituto abbatte i limiti della disabilità che diventa piuttosto forza, coraggio e voglia di mettersi in gioco.

     

    di Lorenzo De Cinque


    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi