"Exodos| Exit- rotte migratorie, storie di persone, arrivi, inclusione": una mostra che interroga - Inaugurazione della mostra fotografica
 
    Stai leggendo il giornale digitale di Mattioli Vasto su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    "Exodos| Exit- rotte migratorie, storie di persone, arrivi, inclusione": una mostra che interroga

    Inaugurazione della mostra fotografica

    Mossi da grande curiosità e interesse, noi alunni della classe 2C del Polo Liceale Raffaele Mattioli, accompagnati dalle docenti Salzano Stefania e Cinquina Francesca, ci siamo recati presso la pinacoteca del Palazzo d'Avalos per l'inaugurazione della mostra fotografica "Exodos| Exit- rotte migratorie, storie di persone, arrivi, inclusione".

    Il progetto, ideato e realizzato dall'associazione Allievi del master in giornalismo "Giorgio Bolla" e dalla regione Piemonte, è stato presentato dal presidente dell'Anpi di Vasto, Domenico Cavacini, e dal club cittadino dell'Unesco. Figura di spicco, il freelance Stefano Strangers, che, con un racconto appassionato e a tratti ricco di crudi dettagli, ha ripercorso le tappe fondamentali dei suoi viaggi nei paesi devastati da conflitti di ogni genere.

    Il percorso fotografico, con la forza delle immagini, racconta drammatici spaccati di vita e si struttura in varie sessioni: ORIGINI, MARE, STRADE, BARRIERE, CAMPI e ACCOGLIENZA. Il filo narrativo di questo racconto vuole interrogare le nostre coscienze e ci chiede di non dimenticare. Il "Mare Nostrum", da sempre reticolato di incroci e genti, ancora oggi, per migliaia di persone in fuga verso l'Europa, è il primo e più drammatico passaggio nella corsa verso un approdo sicuro. Nel crocevia delle rotte più battute nascono accampamenti che, per migliaia di persone, diventano una nuova casa: i campi sono l'attesa, ma anche l'incertezza! L'ultima sezione in mostra presso le splendide sale del Palazzo della Marchesa, con scatti davvero suggestivi, ci riporta alla vita. Essi colgono la disperazione, la paura, il dolore, ma, allo stesso tempo, la speranza e il desiderio di uno spiraglio di serenità. Il messaggio che ne possiamo trarre è quello di informarsi e andare oltre l'apparenza. Stefano Stranges ha usato parole forti e incisive e ha affermato che troppo spesso le notizie si allontanano dalla realtà e vengono manipolate per impressionare il lettore e forzare l'opinione pubblica, minando una delle più grandi libertà di un paese democratico.

     

    Anastasia Minni

    Benedetta Roberti

    Francesca Spadaccini

    Maria Antonacci


    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi