TOI d: il gemello della Terra - Wolf Cuckier ha scoperto un nuovo pianeta
 
    Stai leggendo il giornale digitale di Mattioli Vasto su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    TOI d: il gemello della Terra

    Wolf Cuckier ha scoperto un nuovo pianeta

    Tutti gli uomini, per natura, aspirano al sapere. Cercano soprattutto delle risposte su ciò che è più ignoto: lo spazio.
    Cosa si racchiude nell'universo? Siamo soli? Esistono altri mondi simili al nostro?

    L'uomo non ha mai smesso di indagare, spera di scoprire realtà che fino ad ora sono state frutto solo della fantasia.

    Wolf Cuckier ha solo diciassette anni, è uno studente intraprendente, curioso e attento del terzo anno di una scuola superiore di New York. Proprio grazie a queste sue qualità, ha scoperto l'esistenza di un pianeta con due Soli a 1300 anni luce da noi. Tutto è iniziato con il successo dello stagista nella NASA. Dopo essersi recato nei centri appositi, ha eseguito egregiamente il compito affidatogli: osservare l'eclissi di due stelle binarie TOI 1338, della costellazione "Il Pittore".
    Durante le osservazioni si è reso conto di una stranezza: i tempi dell'eclissi erano diversi da come sarebbero dovuti essere e i segnali indicavano la presenza di un nuovo pianeta.

    Per lunghe ore gli specialisti hanno controllato ed esaminato le conclusioni dello studente:  aveva ragione! Intorno alle due stelle di diversa grandezza orbitava un pianeta enorme, TOI 1338b, 6.9 volte più grande della Terra.

    Oltre a quest'ultimo, è stato scoperto un "gemello" della Terra: TOI d.
    Questo pianeta è lontano un centinaio di anni luce dal nostro sistema solare, le sue dimensioni sono circa il 20% più grandi del nostro e impiega 37 giorni ad orbitare intorno al suo Sole, una nana rossa dal nome TOI 700.
    Ci sono anche altri due pianeti, ma uno è troppo vicino alla stella e veloce: il suo anno dura solo 10 giorni e l'altro è molto più grande e simile a Nettuno.
    Dunque il più intrigante è TOI d, con la "formula" giusta per l'acqua. I simulatori stanno lavorando per capire se sia un pianeta roccioso, se abbia oceani e se sia predisposto ad ospitare forme di vita.

    di Emanuela Ricciardi


    Parole chiave:

    NASA , pianeta , spazio , universo

    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi