Lo-fi: da Satie ai millenials - Musica per riempire i silenzi
 
    Stai leggendo il giornale digitale di Mattioli Vasto su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    Mattioli Vasto Musica 20/03 20/03

    Lo-fi: da Satie ai millenials

    Musica per riempire i silenzi

    Un giorno, mentre era seduto ad un caffè con un amico Erik Satie - eccentrico e stravagante compositore francese attivo tra la fine dell'Ottocento e la prima metà del Novecento- affermò che c'era bisogno di creare una "musica d'arredo", un tipo di musica che non sovrastasse i rumori dell'ambiente circostante, e allo stesso tempo riuscisse a coprire quei silenzi imbarazzanti che spesso si creavano tra i commensali dei locali.

    Non si sarebbe sicuramente aspettato che circa un secolo dopo la sua idea venisse accolta e diffusa in tutto il mondo sotto il nome di Lo-fi. È questo uno dei generi più diffusi tra i millenial, che tradotto letteralmente significa "bassa fedeltà" e indica un tipo di registrazione di scarsa qualità, con l'aggiunta di puntine e nastri malandati che rendono il suono sporco, "vintage" per certi aspetti. La caratteristica più particolare è la ripetitività della melodia che non si evolve, non cambia e giunge alla fine esattamente come è iniziata. I brani vengono spesso arricchiti con bassi distorti, scratch ed effetti di vario tipo.

    Vi si trova la voglia di evadere da un mondo sempre più competitivo e ampio, di vivere per un momento in una specie di estasi ormai impossibile. Un genere con artisti anonimi che si confondono tra loro, che scorrono in Playlist infinite, come musicisti di strada che accompagnano la nostra passeggiata. Probabilmente i primi artisti Lo-fi non si ispirarono a Satie, ma si trova qualcosa che li accomuna per idee e intenzioni. Satie sorriderebbe all'idea di vedere la sua "musica d'arredo" realizzarsi e diffondersi.

    di Federico Di Lello


    Parole chiave:

    Lo-fi , millenials , musica , satie

    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi